Dalla parte dei poveri - OTTOBRE MISSIONARIO 2015

Pur in mezzo a molti altri impegni, legati all'inizio dell'Anno Pastorale, alla ripresa  della catechesi così come alla prossima canonizzazione di don Vincenzo Grossi, anche quest'anno non abbiamo voluto perdere l'occasione per fermarci insieme a tutta la Chiesa a riflettere sulla missio ad gentes. Annunciare il Vangelo alle donne ed agli uomini di ogni tempo non è infatti un'opzione, una possibilità per i credenti. Come ci ricorda il Concilio Vaticano II nel decreto Ad Gentes sull'attività missionaria della Chiesa (di cui il prossimo 7 dicembre ricorreranno i cinquant'anni dalla promulgazione): "La Chiesa durante il suo pellegrinaggio sulla terra è per sua natura missionaria, in quanto è dalla missione del Figlio e dalla missione dello Spirito Santo che essa, secondo il piano di Dio Padre, deriva la propria origine" (AG 2).

DALLA PARTE DEI POVERI è il tema che le Pontificie Opere Missionarie hanno voluto scegliere per celebrare l'89a Giornata Missionaria Mondiale, a partire dalla linea tracciata da papa Francesco nel suo messaggio per questa giornata. Nelle nostre parrocchie abbiamo voluto darci tempo per riflettere su questo tema in una serie di tre incontri.
Il primo di questi incontri si è tenuto MARTEDÌ 06 OTTOBRE ed ha visto protagonisti don Bruno Bignami, suo fratello Claudio e la missionaria Luisa Flisi che ci hanno parlato di CRESCITA ECONOMICA e POVERTÀ attraverso una rilettura e condivisione della loro esperienza in Nord Kivu.

Nella Repubblica Democratica del Congo, nella regione dei grandi laghi, il sottosuolo del Nord Kivu rappresenta un'enorme fonte mineraria che alimenta l'economia mondiale a scapito di una popolazione che quest'anno festeggerà i vent'anni dall'inizio della guerra civile. Una serie di conflitti che quasi ininterrottamente dal 1996 sconvolgono il paese e gli stati circostanti. Una guerra le cui motivazioni non hanno nulla di etnico o religioso ma vedono esclusivamente l'interesse di grandi imprese straniere verso le risorse del sottosuolo congolese.

In questa periferia del mondo da anni vive Luisa Flisi, missionaria parmense ma ormai a pieno diritto cittadina congolese, come afferma lei stessa. Luisa insieme all'Associazione Muungano sostengono in Congo svariati progetti: un Centro Nutrizionale che si occupa dei molti bambini denutriti e malnutriti della regione; un Centro di Salute e Maternità che si prende cura dal punto di vista medico sanitario dei più poveri; una serie di atelier ed attività lavorative per sostenere il microcredito e dare una speranza all'economia locale...
Da quasi dieci anni anche due regonesi, don Bruno e Claudio Bignami, con frequenza quasi annuale dedicano parte della loro estate ad accompagnare gruppi più o meno numerosi ad incontrare e sostenere le realtà in cui Luisa opera. Una testimonianza, la loro, che ha molto toccato e provocato il pubblico presente.

Gli impegni del MESE MISSIONARIO continuano la prossima settimana: MARTEDÌ 13 OTTOBRE sarà nostro ospite padre Fabrizio Tosolini, missionario saveriano oggi alla casa madre di Parma ma per diversi anni missionario a Taiwan e profondo conoscitore dell'universo asiatico. Proporrà una riflessione sulle vecchie e nuove povertà cui oggi va incontro la missione e l'annuncio del Vangelo. A chiudere il percorso di quest'anno sarà GIOVEDÌ 15 OTTOBRE il neo direttore dell'Ufficio Missionario Diocesano don Maurizio Ghilardi che muoverà la sua riflessione proprio da una riletura del decreto conciliare Ad Gentes per riscoprire lo stile missionario di ogni battezzato e suscitare nella Chiesa cremonese un rinnovato slancio verso il mondo della missione.

Tutti gli incontri si svolgeranno presso l'oratorio Piergiorgio Frassati in via Ronchi 2 (a lato del santuario) con inizio alle ore 20.45.
Dalla parte dei poveri - Racconti dalla missione - Locandina A3

Tags oratorio: 

Tags parrocchia: 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.