Puglia 2014

Ci siamo, è in partenza il terzo turno dei campi estivi dell'Oratorio di Pizzighettone. Destinazione: Puglia!!

Qui il diario di bordo giorno per giorno...






 

Tags oratorio: 

Lunedì 11-08-14

Nuova settimana baciata dal sole. Si riprende il viaggio e questa volta la litoranea conduce a nord, lungo la costa adriatica. La meta è la Baia dei Turchi, poco più a nord di Otranto. Luogo brullo e selvaggio, non facile da individuare, vede l'accesso da una fitta pineta che si getta su di una spiaggia che alterna scogli e roccie ad una sabbia bianchissima. Una piccola perla, incastonata in un breve tratto di mare dalla limpidezza ineguagliabile.

Nel pomeriggio, dopo una doccia per ripulirsi da sale e sabbia, si parte alla volta di Otranto. Anche qui il panorama è ineguagliabile! Federica guida il gruppo da Porta Terra a Porta Mare passando per il la Cattedrale di S.M. Annunciata, la piccolissima chiesa di San Pietro, la Torre Alfonsina e le mura che costituiscono la parte più importante del castello aragonese.

La serata si conclude con la cena in una delle tante osterie/taverne che punteggiano la città vecchia ed un gelato (tappa obbligatoria per Marta!) dal buon e vecchio Martinucci.

Domenica 10-08-14

Questa mattina la sveglia è stata un po' più clemente con i nostri giovani... Dopo colazione, la preparazione dell'Eucarestia, celebrata nel Santuario di Nostra Signora di Fatima, attiguo alla casa che in questi giorni ha ospitato il gruppo.

Il pranzo (una carbonara preparata da chef di primo calibro!) ha fornito le energie necessarie per spostarsi verso sud: direzione Santa Maria di Leuca. Da qui un viaggio in barca alla scoperta delle grotte lungo il litorale di ponente, quello che conduce a Gallipoli. Dopo essere usciti dal porto ed aver doppiato Punta Ristola (il promontorio più a sud del Salento) ecco aprirsi davanti agli occhi la grotta di Mesciu Scianni, così chiamata secondo la tradizione in memoria di un pescatore di Leuca che lì svolgeva la sua attività; quella del fiume, nella quale un corso d'acqua sotterraneo ha creato una serie di passaggi che uniscono più anfratti all'interno della costa rocciosa. Poi ancora la grotta del Presepe, nella quale la pietra assume sembianza umane, tanto da ricordare nella sua conformazione la Natività ed infine la grotta del Drago, dove un massiccio blocco di roccia di colore verdastro, a causa dei muschi formatisi sulla parte superficiale, ha ricordato ai pescatori della zona la zampa di un mostro marino “piantata” nel mare.

Durante il tour, Marco (il “mozzo”) ha concesso due soste nelle quali potersi avvicinare a nuoto alle grotte e poter fare qualche tuffo dalla scogliera. Un'esperienza veramente “mozzafiato”, come entrare nella grotta degli innamorati nella quale, dopo essersi inoltrati per qualche metro in un pertugio che dista meno di un metro dal pelo dell'acqua, è possibile ammirare uno specchio d'acqua cristallina con riflessi verdi e la sabbia bianca del fondale.

Rientrando in porto, un po' di tristezza per l'esperienza che si andava concludendo è stata alleviata dalla dolcezza di un tramonto a “de finibus terrae”!

Sabato 09-08-14

Prosegue il viaggio verso ovest, lungo il litorale ionico. Oggi è la volta della Baia di Torre Lapillo, nei presi di Porto Cesareo. Zona molto frequentata ma nonostante tutto il nostro gruppo non ha incontrato problemi a piantare le tende (ops... gli ombrelloni!) in spiaggia, nei pressi del ben attrezzato Lido Max. Mattinata di sole e mare in un'acqua veramente cristallina. Nel pomeriggio, doccia rinfrescante e partenza per la visita di Lecce, vero tesoro d'arte e cultura.

Dalla Basilica di Santa Croce, monumento simbolo del barocco leccese, alla splendida Piazza Duomo con la Cattedrale di Maria Assunta passando per Sant'Irene, la Chiesa del Gesù, quella di San Matteo, l'Anfiteatro romano e la zona del Castello di Carlo V. Durante il passeggio per le vie del centro anche l'incontro fortuito con un altro gruppo di cremonesi in vacanza nella zona: don Vittore con gli oltre cinquanta adolescenti della parrocchia di Castelleone. Dopocena, rientro a Tricase per riposarsi in vista di una nuova giornata.

Venerdì 08-08-14

Il sole che accompagna il viaggio dei nostri giovani spinge verso mete sempre più ambiziose. Prosegue il cammino sulla costa ionica, raggiungendo oggi il litorale di Punta Pizzo, all'interno del Parco Regionale omonimo. Paesaggio brullo e selvaggio che preserva un mare splendido. Una vasta area non sempre ben tenuta e conservata a causa di incuria ed inciviltà dei migliaia di turisti e locali che la abitano nei mesi estivi. Nonostante tutto, mattinata di mare e riposo in un contesto mozzafiato!

Nel pomeriggio, dopo aver ripreso la strada che conduce ad ovest, il gruppo raggiunge Gallipoli per una visita alla città ed ai suoi numerosi monumenti. Tra le molte chiese, da sottolineare in particolare quella dedicata a San Francesco d'Assisi, sulla punta più a sud del promontorio. Qui si conserva una tavola: "San Francesco d’Assisi con angeli e due donatori", attribuita dalla tradizione a Giovanni Antonio de' Sacchis, detto il Pordenone, allievo del Tiziano ed autore della "Crocifissione" nella controfacciata della nostra chiesa cattedrale a Cremona.
Punta Pizzo - Sovraesposti al sole

Giovedì 07-08-14

Giornata decisamente più impegnativa delle precedenti: sveglia alle ore 7.00! Si è deciso infatti di apportare una variazione al programma: vista l'elevata concentrazione di turisti che invadono in questi giorni d'agosto le bellissime spiagge salentine, si affronterà al mattino l'arduo compito di conquistare una porzione di sabbia e mare. Mentre nel pomeriggio ci sarà tempo per la visita delle bellissime città: testimonianze religiose, artistiche e culturali della regione.

Tranne oggi perché il viaggio è stato veramente lungo e c'è bisogno di un po' di riposo, di un po' di mare! La baia di Pescoluse che si è guadagnata l'appellativo di "Maldive del Salento" è la meta di oggi. Se la fama è meritata, giudicatelo voi!

Dopo il rientro a Tricase e la cena, in serata trasferimento a Santa Maria di Leuca, presso la Basilica Santuario "Santa Maria De Finibus Terrae". Qui l'incontro con alcuni amici cremonesi e con Pasquale "Paco" Lo Sapio, educatore impegnato nella Pastorale Giovanile della diocesi di Bisceglie, intervenuto alla Settimana dell'Educazione 2014 promossa dal nostro Oratorio nel gennaio scorso.
Pescoluse - Selfie Subacqueo

Mercoledì 06-08-14

Dopo aver celebrato l'Eucarestia in Santa Maria degli Angeli ed aver consumato una "abbondante colazione", il gruppo si è mosso alla volta della Puglia, raggiunta per l'ora di cena. Preso alloggio a Tricase, nel rione Capranica, presso la casa annessa al santuario dedicato a Nostra Signora di Fatima, non c'è stato tempo per molto altro che per una doccia, la cena e distendersi per un po' di riposo dopo il lungo viaggio!

Martedì 05-08-14

Dopo la partenza dall'oratorio San Luigi, il gruppo di giovani pizzighettonesi composto da Barbara, Federica, Marta, Mattia, Riccardo, Stefano e don Andrea è giunto ad Assisi verso le 13.00. Dopo un pranzo fugace, rapida visita della città e di tutti i suoi tesori artistici e spirituali. Si inizia dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli, proprio vicino alla Casa Domus Pacis dove i nostri giovani hanno trovato alloggio, per proseguire con il convento di San Damiano, l'Eremo delle Carceri e la Basilica di San Francesco. Purtroppo un violento temporale estivo ha costretto i nostri a rifugiarsi sotto uno dei rari porticati della città ed ha fatto saltare la visita nella chiesa di Santa Chiara.

Dopocena, ritorno nel cuore di Assisi, per la precisione al Teatro Metastasio dove la Compagnia Teatrale di Carlo Tedeschi ha messo in scena «Chiara di Dio», musical sulla vita di Santa Chiara.

Questa mattina, dopo aver celebrato l'Eucarestia in Santa Maria degli Angeli, il gruppo è partito alla volta di Tricase, nel Salento, prima parrocchia di don Tonino Bello.